Scapola

La scapola è un osso piatto, triangolare, sottile, a base superiore ed apice inferiore. E’ situato nella parte postero-superiore della gabbia toracica,  tra la II e la VII costa.

Presenta:
• Due superfici/facce: una anteriore detta costale, ed una posteriore detta dorsale
• Tre margini: superiore, laterale o ascellare e mediale o vertebrale
• Tre angoli: superiore, inferiore e laterale

Superfici della scapola
La superficie anteriore è anche detta faccia costale (rivolta verso la gabbia toracica).
Presenta un’ampia concavità, detta fossa sottoscapolare, che accoglie inferiormente il muscolo sottoscapolare.

• La superficie posteriore è anche detta faccia dorsale.
Presenta due fosse, una superiore detta fossa sovraspinata, che occupa il terzo superiore della scapola, ed una inferiore detta fossa sottospinata o infraspinata, che occupa i 2/3 inferiori della scapola, da cui originano gli omonimi muscoli.

Le due fosse sono separate da un rilievo osseo trasversale a forma triangolare chiamato spina della scapola o spina scapolare che sporge dalla faccia posteriore della scapola. La spina scapolare termina lateralmente (piegandosi in avanti) con una struttura ossea appiattita detta acromion; tale superficie articolare si connette con l’estremità laterale della clavicola formando l’articolazione acromioclaveare.
Il margine posteriore della spina scapolare è sottocutaneo e il suo spessore permette di dividerlo in un labbro superiore, che dà inserzione al muscolo trapezio e in un labbro inferiore, da cui origina il muscolo deltoide.

Margini della scapola
Il margine superiore presenta lateralmente l’incisura della scapola che permette il passaggio del nervo sottoscapolare. Lateralmente all’incisura sporge anteriormente il processo coracoideo e dà inserzione al muscolo piccolo pettorale, e da origine al muscolo coracobrachiale e al muscolo capo breve del bicipite brachiale.
Il margine laterale (o ascellare) è più grosso e presenta una tuberosità detta infraglenoidea da cui origina il muscolo capo lungo del tricipite brachiale.
Il margine mediale (o vertebrale) è piuttosto sottile e ha un andamento verticale. A livello dell’origine della spina scapolare piega lateralmente formando un angolo ottuso. Nella sua porzione anteriore dà inserzione al muscolo dentato anteriore, mentre quella posteriore dà inserzioni ai muscoli elevatore della scapola, piccolo romboide e grande romboide.

Angoli della scapola
L’angolo superiore risulta appuntito.
• L’angolo inferiore risulta arrotondato.

L’angolo laterale presenta una sporgenza concava chiamata cavità glenoidea che rappresenta la superficie articolare per la testa dell’omero. La cavità glenoidea è separata dal resto dell’osso da un restringimento detto collo della scapola. Superiormente alla cavità glenoidea e presente una sporgenza ossea chiamata tubercolo o tuberosità sopraglenoideo, inferiormente il tubercolo o tuberosità infraglenoideo (o sottoglenoideo).

Osso • Scapola
Morfologia dell’osso • Piatto
Posizione anatomica
Parte postero-superiore della gabbia toracica,  tra la II e la VII costa
Superficie della scapola
Anteriore (costale) presenta: Fossa sottoscapolare
Posteriore (dorsale) presenta: Fossa sovraspinata, fossa sottospinata o infraspinata, incisura spinoglenoidea, spina della scapola o spina scapolare, acromion
Margini della scapola
Superiore presenta: Incisura della scapola, processo coracoideo
Laterale (ascellare) presenta: Tuberosità infraglenoidea
Mediale (vertebrale)
Angoli della scapola Angolo superiore
Angolo inferiore

Angolo laterale presenta: Cavità glenoidea, tubercolo o tuberosità sopraglenoideo, tubercolo o tuberosità infraglenoideo (o sottoglenoideo)

Copyright Obiettivofitness.com – Licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License (CC BY-NC-ND 4.0).

Bibliografia:
1. Guena S., Giacobini G., Giannetti S., Granato A., Ottani V., Robecchi M. G., Rosate A., Toesca A., Vercelli A., Zancanaro C., Apparato locomotore - Anatomia funzionale, Edizioni Minerva Medica 2004 
2. Palastanga N. P., Field D., Soames R., Anatomia del movimento umano - Struttura e funzione, Elsevier Masson 2007 
3. Bettinzoli F., Riva A., Anatomia dell'apparato locomotore - Opera multimediale, Ghedimedia